La chiesa di Pieve di Budrio è dedicata ai Santi Gervasio e Protasio

IMG_3400_FILEminimizer.JPG

Le iscrizioni latine che troviamo sui muri della chiesa sono dedicate ai Santi Patroni

Le iscrizioni latine dipinte sui muri della nostra pieve ci raccontano una storia, la storia della nostra fede e della fede di coloro che ci hanno preceduto: i santi Gervasio e Protasio.

Per comprenderle nel loro senso più profondo, bisogna andare oltre la semplice traduzione letterale, in quanto ogni parola è un vero condensato di significati e di messaggi.

Osserviamo le frasi dipinte nell’abside:  il martirio a cui si sono sottoposti i santi Gervasio e Protasio li ha resi “martiri di Cristo”,
IMG_4387_FILEminimizer.JPG

non solo perché essi sono morti nel suo nome, ma anche perché in questo modo si sono congiunti a Lui, primo martire, e la loro solidarietà battesimale è stata completata e rafforzata divenendo solidarietà di fede nel martirio e in Cristo. “Questa è la vera fraternità”.

Essi hanno “lavato le loro vesti nel sangue dell’Agnello”, con riferimento al libro dell’Apocalisse, in cui una moltitudine immensa di beati avvolti in vesti candide è indicata come i martiri, “coloro che sono passati attraverso la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti rendendole candide col sangue dell’Agnello.” (Ap 7, 9-14).

E Lui, l’Agnello, ha innalzato i santi Gervasio e Protasio come suoi trofei e come sua eredità, rendendoli “candelabri” che illuminano la comunità a loro dedicata.
IMG_1121_FILEminimizer.JPG

Essi hanno sperimentato e sperimentano la vera “pax Christi”, pace di Cristo e in Cristo.

Non è casuale che le parole “pax” e “Christi” si trovino nelle cappelle del transetto, alle estremità del braccio trasversale della croce che disegna la pianta della chiesa: la pace che Cristo porta al mondo è infatti racchiusa nel gesto delle braccia aperte con cui egli appare ai discepoli dopo la Resurrezione augurando “Pace a voi!”. (Gv 20, 19)

Se alle iscrizioni dell’abside e del transetto può essere attribuito il valore di emblemi, di “slogan”, quelle che percorrono il soffitto della navata hanno un valore più strettamente biografico, in quanto raccontano le vicende dei santi che in vita “disprezzarono le minacce degli uomini” proclamando la loro fede fino alla morte, e che si sono procurati una vita eterna alla presenza costante dell’Altissimo, dove “esultano con gli angeli” e dove pregano “molto” per il “popolo”. 


Una traduzione troppo letterale di questi ultimi due termini rischierebbe di sminuirne il vero significato, che va spiegato come una preghiera piena, incessante ed instancabile ad intercessione del popolo di Dio, ossia dell’intera comunità dei fedeli, la chiesa, e in particolare della comunità dedicata, quella  della pieve.

Salga, dunque, ai “nostri” santi Gervasio e Protasio, la nostra preghiera di ottenere “una fede così viva, una speranza così salda ed una carità così ardente che nulla possa mai separarci da Cristo”.


 

San Vitale e San Valeria

Ai lati dell'abside della chiesa troviamo due ovali raffiguranti i genitori dei Santi patroni. L'autore delle tele è lo stesso della pala d'altare, Giuseppe Marchesi detto il Sansone.
IMG_4392_FILEminimizer.JPGIMG_4388_FILEminimizer.JPG

La traduzione delle scritte:

ABSIDE e TRANSETTO

Cielo, tra gli angeli:

HI SUNT FRATRES GERVASIUS ET PROTASIUS MARTIRES CHRISTI

Questi sono i fratelli Gervasio e

Protasio, martiri di Cristo.

 

SALVETE E SUPERIS SEDIBUS

INCLITI HEROES

Gioite dalle alte dimore, o valorosi eroi.

 

Frontale di pala:

ISTI SUNT DUO CANDELABRIA LUCENTIA

Questi sono due candelabrisplendenti.

 

 

Fascione sinistro, Fascione destro:

LAVERUNT STOLAS SUAS

IN SANGUINE AGNI

Lavarono le loro vesti

nel sangue dell’ Agnello.


Cielo:

HAEC EST VERA FRATERNITAS

Questa è la vera fraternità.

 

Fascioni cappelle transetto, destro e sinistro:

PAX     CHRISTI

La pace di Cristo.


NAVATA

 

ISTI SUNT FRATRES GERVASIUS ET PROTASIUS  MARTIRES CHRISTI

Questi sono i fratelli Gervasio e Protasio, martiri di Cristo,

QUI MINAS HOMINUM CONTEMPSERUNT

 

che disprezzarono le minacce degli uomini.


IN REGNO COELORUM EXULTANT CUM ANGELIS

 

Nel regno dei cieli esultano con gli angeli,  IMG_4396_FILEminimizer.JPG

ASSIDUE ASSISTUNT ANTE DOMINUM

sono sempre alla presenza del Signore

 

ET AB INVICEM NON SUNT SEPARATI

e non sono divisi uno dall’altro.

 

MULTUM ORANT PRO POPULO

Pregano incessantemente per il popolo di Dio

 

ET INTERCEDUNT PRO NOBIS

e intercedono per noi.

IMG_4398_FILEminimizer.JPG

 

 

 

Preghiera ai Ss Gervasio e Protasio

O gloriosi Santi Gervasio e Protasio,

che vi mostraste tanto fermi nel professarvi discepoli di Gesù Cristo

e con ammirabile forza affrontaste i tormenti del martirio,

rinunziando ai beni della terra

per conquistare i beni eterni del cielo,

otteneteci, vi supplichiamo,

per vostra intercessione,

una fede così viva, una speranza così salda

ed una carità così ardente che nulla possa mai separaci da Cristo

e privarci della corona di gloria promessa a quanti perseverano sino alla fine.

Amen.

IMG_3417_FILEminimizer.JPGIMG_1121_FILEminimizer.JPG

Chiesa dedicata ai Santi Gervasio e Protasio

la nostra storia