IMG_1107_FILEminimizer.JPG

La Pala dei santi Gervasio e Protasio

A Giuseppe Mar­chesi detto il Sansone spetta la pala del­l'altare maggiore col Martirio dei SS. Gervasio e Protasio, titolari della Pieve, realizzata insieme agli ovali laterali su commissione dell'Arciprete Don Alessandro Garofali negli anni in cui questi resse la Pieve, tra il 1727 ed il 1732. Il dipinto, di impianto fortemente scenografico, è con­cepito quale complessa macchina barocca sviluppata su più regi­stri, corrispondenti ad altrettante scansioni temporali e narrative: il corpo esanime in primo piano precede la scena di decapitazione che si apre al centro del dipinto. In alto, l'apparizione di Cristo e dei puttini recanti le palme del martirio si pone quale virtuoso riscatto dalle sofferenze attraver­so la fede. L'elegante e monu­mentale ancona lignea che inquadra la tela è a questa coeva, e venne arretrata insieme alla pala a seguito degli interventi absidali realizzati dall'arciprete Cesare Samoggia tra il 1924 ed il 1929 che trasformò la pianta da rettangolare a semicircolare.
Gervasio morì sotto i colpi dei flagelli, Protasio venne invece decapitato.

IMG_1111_FILEminimizer.JPG

IMG_1108_FILEminimizer.JPG